Harrods Village, meglio tardi che mai

Di Giancarlo Perini ©

 Da fonti bene informate apprendiamo che, dopo tutto, l’Harrods Village prenderà il posto dello squallido parcheggio il più presto possibile.

E’ proprio il caso di dirlo…meglio tardi che mai. Non è stato facile e ci saranno ancora polemiche. Qualcuna più che giustificata. Ad esempio: ma se si può fare perché tanta incertezza e tanto ritardo. Mistero dei meandri della burocrazia, delle norme e di certi salotti.

Che sull’esperienza dello scorso anno ci fosse molto da dire e da dirire è innegabile, ma la questione nasceva dal come e dal chi, non dal cosa e dal perché. Di cosa si trattasse era chiaro a pochi. Ora il vantaggio è chiaro a tutti. Il perché è anch’esso evidente.

Sul ”come” resta da poco da dire, se è intervenuta la magistratura qualche ragione ci sarà stata. Quella vissuta é una lezione che tutti dovrebbero mandare a memoria.

La tracotanza non paga. La tracotanza non deve pagare. Fare le cose con correttezza è possibile. Bisogna muoversi per tempo e farlo in modo professionale. Se possibile con eleganza. Come si faceva una volta nel Consorzio. Pressioni, spinterelle e altre …relle non servono.

Resta una domanda. Perché l’iniziativa è lasciata a una delle società che monopolizzano le scelte e le (poche) iniziative del Consorzio. Non avrebbe dovuto essere il Consorzio a promuovere, organizzare, realizzare questa e dieci altre iniziative capaci di valorizzare la Costa Smeralda? Attenzione diciamo Consorzio, non Servizi Consortili Costa Smeralda, inutile carrozzone trainato dai consorziati. Ma questo è un altro problema che dovrà trovare soluzione, preferibilmente con massicce dosi di dignità e buon gusto, più che di denunce e procedimenti giudiziari.

Un ringraziamento particolare deve andare al Sindaco, che ha rotto gli indugi e ci ha messo la faccia. E con lui all’architetto Fadda, progettista e forza motrice della non facile impresa. Che sia finalmente arrivato il momento del fare?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

* Copy this password:

* Type or paste password here:

19,933 Spam Comments Blocked so far by Spam Free Wordpress

One thought on “Harrods Village, meglio tardi che mai

  1. Mentre si sta per inaugurare la seconda edizione estiva dell’Harrods Village, i cittadini di Arzachena, i consorziati della Costa Smeralda e gli esercizi commerciali di Porto Cervo ne dibattono i pro e i contro, a volte molto animatamente. E’ evidente che assieme a qualche pro ci sono molti, troppi contro. Secondo fonti qualificate infatti l’area (classificata H) non può neppure essere parcheggio (bella notizia, scoperta un poco tardi ma come si dice …..meglio tardi che mai!) . Se cos’ fosse, come e molto probabile, gli illeciti (e dunque le distrazioni, le connivenze o quant’altro) risalgono a molti anni fa. Mentre c’era chi cantava «nessun dorma» sembra che tutti dormissero.
    Insomma il ginepraio è ancora forte e rigoglioso.
    Nel frattempo alcune cose sono più chiare: meglio un Harrods Village che paga tributi e locazioni alle nostre amministrazioni al posto di un orrendo parcheggio peraltro poco redditizio.
    Naturalmente una bella passeggiata, illuminata e un bel parco con vegetazione tipicamente mediterranea sarebbe molto meglio. Anzi a mio parere sarebbe l’ideale.
    Ecco l’occasione per Consorzio, Qatar Foundation e Amministrazione Comunale per mostrare i grandi benefici di una forte collaborazione nel pieno rispetto delle leggi.
    Nel parco si potrebbero anche organizzare concerti pubblici e altri eventi a partire da Pasqua. Ad esempio un Concorso d’eleganza per auto d’epoca, sfilate di moda al tramonto. festival musicali, cinema all’aperto. Tutti gli edifici della zona ne sarebbero valorizzati e gli esercizi commerciali ne trarrebbero grande beneficio, soprattutto se la passeggiata formasse un anello circolare che legasse tutta Porto Cervo e la marina in un unico abbraccio.
    Se c’é un creativo o un artista che vuole disegnare questa semplicissima visione del potenziale io sarei ben lieto di pubblicare una bella serie di disegni. Il Sindaco potrebbe anche lanciare un pubblico concorso d’idee e un utopistico megalomane potrebbe persino arrivare a ipotizzare di scolpire le rocce all’ingresso del porto per ricavarne quell’anfiteatro all’aperto di cui si è parlato nell’assembla del consorzio.
    I soldi per le buone idee di lungo respiro si trovano sempre. Non è questa una buona idea? Non siete d’accordo? Probabilmente avete ragione voi. In tal caso dite la vostra, ma soprattutto proponete idee migliori. Apriamo un dibattito costruttivo e andiamo avanti.